Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted in BLOG

Il “Valore Mamma” nutre il futuro all’EXPO 2015

 

da dx: Maria Lustri, Nicola Spiller, Maria Addolorata Mangione, Adele Ercolano, Laura Bonsi,Marta Rodriguez, Sandra Di Vito, Anita Cadavid

da dx: Maria Lustri, Nicola Spiller, Maria Addolorata Mangione, Adele Ercolano, Laura Bonsi,Marta Rodriguez, Sandra Di Vito, Anita Cadavid

Le madri di oggi sono chiamate a nutrire il futuro.

Questo il tema sviluppato a Milano da Valore Mamma lo scorso 21 settembre all’interno dello spazio Me and We Women for Expo del Padiglione Italia.

Articolato in tre talk, l’evento Madri nutrimento del mondo, Energia per il futuro ha approfondito il tema della maternità come motore del cambiamento e risorsa che promuove il bene comune.

Le mamme di oggi tra identità e consapevolezza; Maternità risorsa per l’economia; Le mamme 2.0 tra community e business: queste le tre tappe del percorso proposto da Valore Mamma, verso una maggiore consapevolezza del valore della maternità oggi.

Partendo dalla sua stessa neurofisiologia, il percorso ha evidenziato le specificità e le risorse della donna, le quali, consolidate e arricchite dall’esperienza della maternità, diventano valore e ricchezza trasferibili anche nel contesto sociale, nell’ambito professionale e nel mondo economico.

Grande spessore culturale e partecipazione emotiva alle tematiche trattate hanno contraddistinto gli interventi dei relatori: Maria Addolorata Mangione, medico e bioeticista; Marta Rodriguez, direttrice dell’Istituto di Studi Superiori sulla Donna; Maria Lustri, funzionario del Ministero dello Sviluppo Economico; Nicola Spiller, docente del Politecnico di Milano.

Per le donne dunque molte le proposte di riflessione per crescere in consapevolezza e sentirsi pronte a cogliere nuove sfide.

                                                                                                                                          La redazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un Commento